Un amore chiamato “transito”

Sarà capitato anche a voi ti prendere al volo un passaggio, per convenienza, insofferenza, per ingannare l’attesa, un passaggio d’amore. Eh già perché di quello parliamo, un piccolo ma transitorio momento di pura intimità. Amiamo gli altri  spesso viaggiando sulle spalle di qualcuno, come dei Koala o come Anchise con Enea, o come piccoli indiani pellerossa a cavallo di un mustang. Ci facciamo trasportare per un po’in un breve istante di piacere come se fossimo treni in transito, di passaggio. A volte questi brevi tratti di strada insieme sono costellati di piccole gioie o grandi delusioni. Siamo dei pendolari del sentimento, dei cercatori d’oro, dei vagabondi senza meta. Allora non chiediamoci più se questi brevi o lunghi passaggi a due, possano diventare amore, ma godiamoci il viaggio…

Annunci

Le passioni sono angeli

Le passioni, sono come gli angeli, molteplici, piene di amore e distruzione.Le passioni sono seducenti, attraenti, manipolatrici, ingorde, affamate, mortali, infinite ed eterne, angeli con la coda come draghi o demoni, con le ali bianche e dorate come arcangeli e messaggeri degli dei. Le passioni sono i desideri dell’anima, che stringono il patto con il diavolo, un angelo caduto in volo che ti spezza il fiato. Angeli maledetti, come maledetti i giorni in cui mancherete al loro appuntamento. Il Diavolo_15

Continua a leggere “Le passioni sono angeli”

Tarocchi, destino e vite precedenti

vivibeneamameglioblog

19748370_710185032499870_1354633693454180798_n
Tarot n. 6

<<Isabella, mettiamoci a sedere qui, corri inizia lo show, tienimi la mano Isabella sento che sta per accadere qualcosa di straordinario!>>. Isabella non lo sa, ma io da giorni sento un energia strana intorno a me, da giorni i tarocchi mi indicano la stessa via, lo stesso sentiero. Come voci di sirene al tramonto in mare aperto, sento un richiamo disperato di amore, un amore passato. Isabella gioca con il suo telefonino, lo accende e lo spegne, piccoli lampi di luce che nel buio mi accecano. Isabella smettila! Ti prego, le dico con il solo pensiero. Poi il buio, inizia lo show. Quando ero piccola ti disegnavo, disegnavo un campo di grano, disegnavo il sole e i fiori e il tuo ritorno. Da una Torre ti aspettavo e tu tornavi e ci amavamo con tutta la passione di questo mondo. << Judith, sta iniziando vero? Mi sposto…

View original post 836 altre parole

Uomo “a’mmare”

L’amore è come il mare, restituisce cadaveri due innamorati convinti che l’infinito blu del suo colore fosse un velo calmo dove posarsi. Il mare d’amore , così grida  “a’mmare” chi resta sulla terra ferma guardandovi  affogare.onda

El amor es como el mar, devuelve cadáveres a dos amantes convencidos de que el infinito azul de su color era un velo tranquilo para descansar. El mar de amor, así que llora “a’mmare” a aquellos que permanecen en tierra firme observándote ahogarte.
Love is like the sea, returns corpses two lovers convinced that the blue infinity of its color was a calm veil where to settle. The sea of ​​love, so cries “a’mmare” those who remain on dry land watching you drown.

Tarocchi, destino e vite precedenti

19748370_710185032499870_1354633693454180798_n
Tarot n. 6

<<Isabella, mettiamoci a sedere qui, corri inizia lo show, tienimi la mano Isabella sento che sta per accadere qualcosa di straordinario!>>. Isabella non lo sa, ma io da giorni sento un energia strana intorno a me, da giorni i tarocchi mi indicano la stessa via, lo stesso sentiero. Come voci di sirene al tramonto in mare aperto, sento un richiamo disperato di amore, un amore passato. Isabella gioca con il suo telefonino, lo accende e lo spegne, piccoli lampi di luce che nel buio mi accecano. Isabella smettila! Ti prego, le dico con il solo pensiero. Poi il buio, inizia lo show. Quando ero piccola ti disegnavo, disegnavo un campo di grano, disegnavo il sole e i fiori e il tuo ritorno. Da una Torre ti aspettavo e tu tornavi e ci amavamo con tutta la passione di questo mondo. << Judith, sta iniziando vero? Mi sposto, no io questo esercizio di ipnosi non lo faccio, ho paura! Passo…>>. Così Isabella si sposta prima alla mia destra e poi sparisce. Rimango sola nella sala buia. Mi agito sbatto con il gomito ad un ragazzo dietro di me, io non vedo nulla, solo buio. << Amici!>> grida il performer, << avviciniamoci ad una persona che non abbiamo mai visto e iniziamo il nostro viaggio indietro nel tempo>>. Isabella ma dove sei? Ora sono sempre più spaesata, devo cercare delle risposte e devo farlo ora. Mi alzo, mi guardo in giro e poi ti vedo. Ti scelgo, si tu sei giusto, ti chiedo se per te è ok e tu mi dici di sì. Ci scambiamo degli oggetti personali, nelle mie mani, le chiavi della tua moto e la tua mano sinistra, nelle tue tutta me, orecchino e anche mano sinistra. Inizialmente i tuoi occhi fissi su di me, poi i miei occhi sono dentro di te, nel profondo ed inizio a viaggiare. Avevi l’armatura, eri un cavaliere o forse uno scudiero, io ti venivo incontro con  un bimbo in braccio. Ti ho riconosciuto sei tu, il mio amore infinito. Finalmente ti rivedo, ti faccio si con la testa, si, si amore mio sono io. POI SILENZIO. Tu ti chini verso di me vorresti baciarmi, ma ti svegli. << Amici tornate al vostro posto e raccontarci cosa avete visto>>, io vado sul palco tu sei ancora la con la maglietta verde, i tuoi riccioli ribelli e la tua barba rossa. Io racconto di noi della Spagna e di quello che ho visto. Poi cerco Isabella, scendo dal palco e mi siedo di nuovo al mio posto. Isabella mi guarda, io la guardo e tutte e due facciamo un sorriso a virgola. <<cosa è successo? Ero uscita a fumare!>> Niente ho rincontrato il mio amore grande, eh…<<ero in Spagna!>> le dico, poi mi giro guardo il ragazzo riccioluto e gli strizzo l’occhio. Avevo nella testa la carta degli Amanti, il numero 6 degli arcani maggiori e non capivo perché. Isabella saluta tutti io dimentico il ragazzo ma non il suo volto e i suoi occhi, ci incontreremo lo so. In questa vita per chiudere il cerchio.Un giorno di autunno di numero, 6 come la carta degli Amanti difronte al Palazzo numero 91 la cui somma da 10 la Ruota, unione di 1 il Bagatto e lo 0 il Matto, io e te ci diamo appuntamento, dopo la pioggia caduta a catinelle sulle nostre giacche, esausti e affamati ci riuniamo in un lungo amplesso antico, come Paolo e Francesca, avvinghiati per un ultima volta, prima che venga il giorno. Torno a casa, devo raccontare tutto ad Isabella penso. Torno, ma sono di nuovo io custode di un segreto eterno di eterno amore. Buonanotte amore mio ti incontrerò di nuovo, lo so, non in questa vita, ma sarà per sempre. Digito ad Isabella<< tutto Ok, tornata sulla terra a domani, Judith>>

Isabella, sentémonos aquí, ejecutemos el programa, tomen la mano Isabella, ¡siento que algo extraordinario está por suceder! >>. Isabella no lo sabe, pero he estado sintiendo una extraña energía a mi alrededor durante días, ya que los tarots me han estado mostrando el mismo camino, el mismo camino durante días. Como voces de sirenas al atardecer en mar abierto, siento una llamada desesperada de amor, un amor pasado. Isabella juega con su teléfono celular, lo enciende y apaga, pequeños destellos de luz que me ciegan en la oscuridad. Isabella detente! Por favor, te lo digo con solo el pensamiento. Entonces la oscuridad comienza el espectáculo. Cuando era niño te dibujé, dibujé un campo de trigo, dibujé el sol y las flores y tu regreso. Te esperé desde una torre, regresaste y nos amamos con toda la pasión de este mundo. << Judith, está empezando ¿verdad? Me muevo, no, no hago este ejercicio de hipnosis, me temo! Paso … >>. Entonces Isabella se mueve primero a mi derecha y luego desaparece. Me quedo solo en el cuarto oscuro. Actué con un codo a un chico detrás de mí, no veo nada, solo oscuridad. << ¡Amigos! >> grita el artista, << acercémonos a una persona que nunca hemos visto y comencemos nuestro viaje en el tiempo >>. Isabella pero ¿dónde estás? Ahora estoy cada vez más confundido, tengo que buscar respuestas y tengo que hacerlo ahora. Me levanto, miro alrededor y luego te veo. Te elijo, sí, tienes razón, te pregunto si está bien para ti y tú dices que sí. Intercambiamos objetos personales, en mis manos, las llaves de tu bicicleta y tu mano izquierda, en tu todo, pendientes e incluso mano izquierda. Inicialmente tus ojos se fijaron en mí, luego mis ojos están dentro de ti, en el fondo y empiezo a viajar. Tenías armadura, eras un caballero o quizás un escudero, vine a encontrarte con un bebé en tus brazos. Reconocí que eres tú, mi infinito amor. Finalmente te vuelvo a ver, te hago sí con mi cabeza, sí, sí mi amor soy yo. LUEGO SILENCIO.




 


 

 

 

 

 

 

 

non voglio mica la luna…

sketch1417043255803.png

E no, non voglio mica la luna. Non voglio sentirmi libera perché già lo sono, ne stravagante, no, non voglio il denaro per comprare ma per viaggiare, non voglio un uomo tutto per me, perché non ci tengo a sentirmi la sola, io sono unica e questo mi basta. Io non voglio capire il mondo, ne comprenderlo e ne studiarlo, io voglio semplicemente viverci. io non voglio solo una amica del cuore perché io il cuore, il mio, lo divido in tante piccole parti e nel mio cuore c’è abbastanza spazio per tutte e non voglio una casa per sempre mia ma sentirmi a casa ovunque vada. Non voglio la ripetizione di ciò che avuto, non voglio le stesse vittore, ne le stesse sfide, non voglio un singolo amore ma singole persone. Io non voglio mica la Luna ma l’intero Universo.

Y no, no quiero la luna. No quiero sentirme libre porque ya soy extravagante, no, no quiero dinero para comprar sino para viajar, no quiero un hombre todo para mí, porque no me importa sentirme solo, soy único y esto es suficiente para mí. No quiero entender el mundo, entenderlo y estudiarlo, solo quiero vivir allí. No quiero solo un amigo de mi corazón porque, corazón mío, lo divido en muchas partes pequeñas y en mi corazón hay suficiente espacio para todos y no quiero una casa para siempre, pero me siento como en casa donde sea que vaya. No quiero la repetición de lo que tenía, no quiero las mismas victorias, ni los mismos desafíos, no quiero un solo amor sino personas individuales. No quiero la Luna sino todo el Universo

sinobailomemuero

IMG-20180626-WA0009 (2)

Quando ero piccina, le mie prime scarpe da ballo furono quelle di una ballerina di danza classica. Andavo orgogliosa del mio tutù, le mie calze rosa con la riga e le scarpette rosa. Un giorno lontano lasciai le mie scarpette da danza classica per cimentarmi nella danza moderna. Erano gli anni di flash dance, imperavano gli scaldamuscoli colorati e le tutine da danza erano aderenti e colorate. Ma solo dopo molti anni, dopo aver vissuto l’amore e il dolore di amare, profondamente ed interamente mi sono avvicinata a l’unico ballo scritto con il sangue, il “flamenco”. Ballare il flamenco è scendere nell’arena, perdere l’anima attraverso quelle gocce di sudore che cadono in terra come diamanti, indistruttibili, eterni ed appassionati. Il mio bel soldatino di Piombo ora è un toro furioso che grida vendetta. Il flamenco è la vita stessa che va in scena, MIRA !

Cuando era pequeño, mis primeros zapatos de baile eran los de un bailarín de ballet. Estaba orgulloso de mi tutú, mis calcetines rosas con la línea y los zapatos rosas. Un día dejé mis zapatos de ballet para probar suerte en la danza moderna. Esos fueron los años de flash dance, los calentadores de piernas de colores y los trajes de baile eran apretados y de colores. Pero solo después de muchos años, después de haber vivido el amor y el dolor de amar, profunda y completamente, me acerqué al único baile escrito con la sangre, el “flamenco”. Bailando flamenco va a la arena, perdiendo el alma a través de esas gotas de sudor que caen al suelo como diamantes, indestructibles, eternas y apasionadas. Mi apuesto soldado Piombo ahora es un toro furioso que grita venganza. ¡El flamenco es la vida misma que sube al escenario, MIRA!